Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

REFERENDUM 12 GIUGNO 2022: AVVISO PER I CONNAZIONALI RESIDENTI O TEMPORANEAMENTE PRESENTI IN IRAQ

Con decreti del Presidente della Repubblica del 6 aprile 2022, pubblicati nella Gazzetta Ufficiale del 7 aprile 2022, è stata fissata al 12 giugno 2022 la data dei referendum abrogativi ex art. 75 della Costituzione.

Si informa che l’Iraq rientra tra quei Paesi nei quali, ai sensi del comma 1-bis dell’articolo 20 della L. 459/2001, non vi sono sufficienti condizioni tali da consentire l’esercizio del voto per corrispondenza. Pertanto gli italiani residenti o temporaneamente presenti in Iraq potranno votare esclusivamente in Italia (Comune nelle cui liste elettorali si è iscritti, in genere quello di ultima residenza).

I connazionali regolarmente residenti in questa circoscrizione consolare e iscritti all’AIRE possono usufruire del rimborso del 75% del costo del titolo di viaggio in classe economica utilizzato per recarsi in Italia.

 

Le condizioni per richiedere il rimborso a questa Ambasciata sono:

1. la residenza e l’iscrizione all’AIRE nella circoscrizione consolare di questa Ambasciata;

2. l’avvenuto comprovato esercizio del voto in Italia, come risultante dal timbro apposto sulla tessera elettorale;

3. la richiesta di rimborso, che può essere redatta in forma libera con l’indicazione delle generalità complete dell’elettore, l’indirizzo AIRE di residenza, un recapito telefonico, un indirizzo di posta elettronica e le coordinate bancarie per l’accredito dell’importo da rimborsare (al netto delle commissioni bancarie che restano a carico del richiedente) oppure attraverso il modulo disponibile su questa pagina (link in alto a destra);

4. la presentazione a questa Ambasciata degli originali del titolo di viaggio, delle carte di imbarco, della tessera elettorale con il timbro del seggio italiano e della fattura attestante l’importo effettivamente pagato qualora non chiaramente riportato sul titolo di viaggio.

 

Non è richiesta la preventiva autorizzazione di questa Ambasciata, ma è necessario che la domanda sia presentata tempestivamente al rientro in Iraq e che le date del viaggio siano ravvicinate alla data delle elezioni.

Si richiama l’attenzione sul fatto che potrà essere rimborsato il 75% del costo del biglietto in sola classe economica dal luogo di residenza al porto/aeroporto in Italia.