Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Prima volta a Baghdad per l’Italian Design Day

whatsapp image 2023 03 13 at 15.25.29

 

Si è tenuto presso il centro “The Station” il workshop “Travelling in the Fashion World”, primo evento realizzato a Baghdad per celebrare la creatività della progettazione italiana sostenibile in occasione dell’Italian Design Day 2023.

Il seminario, a cui hanno partecipato oltre 60 persone tra professori e studenti dell’Istituto di Arti Applicate di Baghdad, professionisti del settore e giovani con aspirazioni nel mondo della moda, è stato impreziosito dalla prof.ssa Carmen Alampi dell’Istituto Marangoni di Firenze. Tema al centro dell’iniziativa è stato l’ “upcycling”, ovvero il riciclo creativo di abiti, stoffe e materiali a cui dare nuova vita secondo le tendenze della moda contemporanea. Un’alternativa all’ “usa e getta” e un modo di fare design in modo originale, sostenibile e nel rispetto del pianeta.

“Per la prima edizione dell’Italian Design Day a Baghdad, l’energia del design ha portato tutta la freschezza, l’ingegno e l’eccellenza dell’artigianalità della moda italiana, con un occhio alle soluzioni eco-sostenibili, alla cura del pianeta e alle opportunità di sviluppo economico che esse offrono”, ha commentato l’Ambasciatore Greganti. “I ragazzi hanno centrato in pieno l’obiettivo del corso, realizzando abiti da tende, collane da cravatte, veli e turbanti da vecchie camicie e portando da casa stoffe e oggetti da rigenerare. Le creazioni sono state numerosissime e di ottimo livello, per non parlare del grande entusiasmo dei partecipanti e della stessa prof.ssa Alampi, che ringrazio di cuore per tutto il suo impegno, la dedizione e la professionalità dimostrate. L’obiettivo è già realizzare un secondo corso, di livello avanzato, per aiutare a sviluppare l’incredibile potenziale di questi giovani”.

L’evento ha inoltre permesso uno scambio culturale e artistico tra Italia e Iraq, sottolineando l’importanza dell’arte, della cultura e del design come strumento per unire popoli e culture diverse.